Il periodo autunnale sembra proprio essere il tempo in cui si può vedere una caduta più intensa dei capelli che stanno arrivando contemporaneamente alla fine del loro ciclo vitale.

Per questo è utile sostenere la loro ricrescita, aiutando i giovani piccoli capelli a rinforzarsi, evitando che a causa di alimentazione scorretta, condizioni genetiche particolari, ridotta funzione digestiva e infiammazione da cibo, anno dopo anno si assista ad una rarefazione della chioma.

Anche la scienza ha confermato che l’autunno rappresenta il periodo dell’anno di maggiore caduta e un lavoro analitico e dettagliato  ancora nel lontano 1996 ha spiegato che si tratta di un fenomeno presente in tutte le persone, mentre in una piccola percentuale di casi si verificano invece 2 picchi di caduta nel corso dell’anno, uno appunto alla fine dell’estate e l’altro alla fine dell’inverno.

La natura mette comunque a disposizione strumenti di supporto alla capigliatura che possono essere utilizzati efficacemente da chiunque; ecco i più importanti:

  1. Fare una prima colazione: lo stato di capelli e unghie, ma anche di pelle, ossa e muscolatura è fortemente influenzato dal funzionamento della tiroide. Una buona prima colazione attiva il metabolismo e fa da importante regolatore della funzione tiroidea permettendo agli ormoni secreti di agire in maniera funzionale e operativa, tra le altre cose, anche sugli annessi cutanei.
  2. Usare le proteine in maniera sapiente: se abbinare a ogni pasto (colazione compresa) carboidrati e proteine è un supporto di tipo antinfiammatorio e metabolico importante, assumere una sufficiente quantità di proteine nell’arco della giornata permette a unghie e capelli (fatti essi stessi di proteine) di crescere sani e in forma. Di quanto si tratta? Circa un grammo di proteine quotidiane da assumere per chilogrammo di peso corporeo, ricordando che in 100 g di bistecca o pesce di proteine pure se ne trovano circa 20 g.
  3. Scegliere carboidrati integrali, semi oleosi e leguminose: si tratta di alimenti ricchi, tra le altre cose, di quelle vitamine del gruppo B così care a capelli e unghie.
  4. Depurare il fegato: avere un fegato sano significa far funzionare meglio l’intero organismo del quale unghie, pelle e capelli sono la parte più visibile.

C’è poi la possibilità di fornire al capello l’ambiente nutritivo più adatto, e alcuni specifici integratori sono costituiti dalle sostanze che da un lato rappresentano il nutrimento del capello o delle unghie (cistina, arginina, betaina, manganese, vitamina B1, B2 e B6) e dall’altro lo stimolo e la regolazione della sua crescita (inositolo, zinco, acido folico, biotina, selenio).